SF016 :: Obsolete Capitalism :: Controllo, modulazione e algebra del male in Burroughs e Deleuze ::

(Rizosfera / eng/ita / The Strong of the Future/ Out in Sept. 2018)

Il concetto di “controllo” deve essere attribuito a William Burroughs, secondo ciò che afferma Deleuze in “Pourparler”. Tra Deleuze e Burroughs si è registrata, a partire dagli anni ‘70, una profonda convergenza intellettuale e politica. Ciò è avvenuto attraverso tre «piani» d’analisi: società di controllo, comunità rivoluzionarie e schizo-cultura. Il presente saggio propone un’indagine sul rapporto tra i due giganti della controcultura del XX secolo facendo propria la prospettiva del “controllo” secondo l’asse Burroughs-Deleuze. Con la figura critica di Foucault sullo sfondo, il significativo passaggio politico e filosofico dal “disciplinamento” al “controllo” appare in tutta la sua potenza devastante. Le «macchine da guerra» letterarie e filosofiche di Deleuze e Burroughs cercano di sfuggire ai saperi costituiti e ai poteri dominanti attraverso la costituzione di comunità di azione e pensiero inassimilabili e selvagge. La critica «non localizzabile» e diagrammatica di Burroughs risulta tanto più preziosa in quanto del tutto estranea alle abituali aree di pensiero critico. Burroughs è stato dunque l’originale pensatore capace di isolare e sviluppare il concetto di “controllo” esteso a quella smisurata prigione a cielo aperto, geograficamente mondializzata, che noi chiamiamo Terra.

Signup for our newsletter with tips, new product announcements, and discounts. No spam ever, unsubscribe any time.

Sono le società di controllo che stanno sostituendo le società disciplinari. «Controllo» è il nome che Burroughs propone per designare il nuovo mostro e che Foucault riconosce come il nostro prossimo avvenire.

Gilles Deleuze

Pourparler

Connections

Abstract :: Il concetto di “controllo” deve essere attribuito a William Burroughs, secondo ciò che afferma Deleuze in “Pourparler”. Tra Deleuze e Burroughs si è registrata, a partire dagli anni ‘70, una profonda convergenza intellettuale e politica. Ciò è avvenuto attraverso tre «piani» d’analisi: società di controllo, comunità rivoluzionarie e schizo-cultura. Il presente saggio propone un’indagine sul rapporto tra i due giganti della controcultura del XX secolo facendo propria la prospettiva del “controllo” secondo l’asse Burroughs-Deleuze. Con la figura critica di Foucault sullo sfondo, il significativo passaggio politico e filosofico dal “disciplinamento” al “controllo” appare in tutta la sua potenza devastante. Le «macchine da guerra» letterarie e filosofiche di Deleuze e Burroughs cercano di sfuggire ai saperi costituiti e ai poteri dominanti attraverso la costituzione di comunità di azione e pensiero inassimilabili e selvagge. La critica «non localizzabile» e diagrammatica di Burroughs risulta tanto più preziosa in quanto del tutto estranea alle abituali aree di pensiero critico. Burroughs è stato dunque l’originale pensatore capace di isolare e sviluppare il concetto di “controllo” esteso a quella smisurata prigione a cielo aperto, geograficamente mondializzata, che noi chiamiamo Terra.

http://obsoletecapitalism.blogspot.it

 

Biography

Obsolete Capitalism è un collettivo di ricercatori indipendenti: si definiscono “studiosi nomadi”. Il collettivo si occupa di filosofia, arte e politica. Ha pubblicato «Moneta, rivoluzione e filosofia all’avvenire. Deleuze, Foucault, Guattari, Klossowski e la politica accelerazionista di Nietzsche »(OCFP, 2016), « Archeologia delle minoranze » (OCFP, 2015) e« Nascita del populismo digitale »(OCFP, 2014). Con Rizosfera edizioni, Obsolete Capitalism ha pubblicato «Deleuze e l’algoritmo della Rivoluzione» (Rizosfera / SF004), «I forti dell’avvenire. Il frammento accelerazionista di Nietzsche nell’anti-Edipo diDeleuze e Guattari»(Rizosfera / SF001),« Accelerazione, rivoluzione e moneta nell’anti-Edipo di Deleuze e Guattari» (Rizosfera / SF002) e« Dromologia, Bolidismo e accelerazionismo marxista » (Rizosfera / SF009) . Il collettivo cura anche i blog online Obsolete Capitalism, Rizomatika e Variazioni foucaultiane. Il collettivo ha una sotto-unità sonora come Obsolete Capitalism Sound System: ha pubblicato «La machine informatique dub» (prima 12 EP, etichetta NUKFM, 2016) e «Chaos Sive Natura» (primo album, NUKFM, 2017). Prossime uscite audio-grafiche previste entro la fine del 2018: «Chaos Variation I» con Félix Guattari, Sara Baranzoni e Network Ensemble; «Chaos Variation II» con Mark Stewart; «Chaos Variation III» con Adi Newton/The Anti Group.